- Snaporaz
Snaporaz

Autori

Matteo Marchesini (1979) è poeta, narratore e saggista. Tra i suoi libri: il romanzo Atti mancati (Voland 2013, premio Lo Straniero, entrato nella dozzina dello Strega), i saggi critici di Casa di carte (Il Saggiatore 2019), la raccolta poetica Scherzi della natura (Valigie rosse 2022), i racconti di False coscienze (Bompiani 2017) e Miti personali (Voland 2021). Collabora con Il Foglio, Il Sole 24 Ore e Radio Radicale.

Marx scrittore
MM
di Matteo Marchesini

Marx scrittore

Negli anni Sessanta, in un profilo didattico di Marx composto con il consueto equilibrio, Raymond Aron scriveva che «quei filosofi sottili che vivono sulle rive della Senna e vorrebbero essere marxisti senza ritornare bambini, hanno immaginato una serie di interpretazioni, le une più intelligenti delle altre, del pensiero profondo e definitivo di Marx. Quanto a […]

Un reciproco potere di seduzione: Garboli e Raboni
MM
di Matteo Marchesini

Un reciproco potere di seduzione: Garboli e Raboni

12 aprile 2004, pomeriggio. Mentre scrive per il «Corriere della Sera» in ricordo di Cesare Garboli, scomparso il giorno prima, Giovanni Raboni ha un malore. Viene ricoverato, resta in coma per settimane, e il 16 settembre muore. È una di quelle coincidenze da cui avrebbe forse tratto conclusioni sorprendenti Leonardo Sciascia, che né Garboli né […]

“Nonostante Platone”. Adriana Cavarero, il femminismo, la filosofia
MM
di Matteo Marchesini

“Nonostante Platone”. Adriana Cavarero, il femminismo, la filosofia

Dal 2017 al 2023 ho fatto parte della redazione dell’«Età del ferro», una rivista che si è voluta militante pur senza aderire a un partito, e letteraria non nei temi trattati ma nel genere praticato, quello del personal essay. Tra i collaboratori, la maggioranza maschile era schiacciante. Ne abbiamo discusso spesso. Circolava forse tra noi una complicità che allontanava […]

Aborti di Marx: l’ideologia oggi
MM
di Matteo Marchesini

Aborti di Marx: l’ideologia oggi

Nella seconda metà del Novecento, sembra aver ottenuto la ratifica definitiva un’idea che aveva alimentato a lungo la modernità, scorrendo però nel suo paesaggio come un fiume carsico: quella per cui, a dirla con un’efficace formula garboliana, l’intelligenza coincide con il male, con il machiavellismo morale, con la capacità di escogitare o di scoprire intrighi […]

Che cosa resta di Gianfranco Contini?
MM
di Matteo Marchesini

Che cosa resta di Gianfranco Contini?

Secondo un’opinione diffusa e non troppo inattendibile, la critica letteraria del Novecento italiano ha due protagonisti: Gianfranco Contini e Giacomo Debenedetti. Entrambi sono crociani eretici. Entrambi sono attratti sia dalla matematica in senso stretto, sia dalle metafore scientifiche (la geometria non euclidea del romanzo in Debenedetti, la “diffrazione” nella filologia continiana). Ma soprattutto, entrambi tengono […]

Contemporanei viventi
MM
di Matteo Marchesini

Contemporanei viventi

CLIMAX Quando un editor di narrativa italiana sentenzia che “il suo romanzo non è male, ma manca qualcosa”, di solito questo qualcosa è Aldo Moro. POSTMODERNISTA Si avvicina, m’invita a spogliarla,fa l’amore e alla fine mi parla:“Cosa mi fissi così le tette?Guarda che è tutto tra virgolette”. STORYTELLING Se Omero dormicchiaBaricco ti picchia.  POETA CIVILE […]

1 2

Leggi Snaporaz

Iscriviti alla Newsletter
e leggi gratis un articolo ogni settimana.